Ucraina Nel sito sono presenti informazioni concernenti il consolato e l’ambasciata italiana in Ucraina, supporto legale per adozioni e visti d’ingresso, mappa e meteo online.Ucraina

Caccia all’ex capo ultrà
«Recluta mercenari
per la guerra in Ucraina»

Ricercato il lucchese Andrea Palmeri, combattente filorusso

Stava bene e guadagnava, il «generalissimo» come lo chiamavano per le sue simpatie fasciste. Da ieri mattina, però, il lucchese Andrea Palmeri è ricercato dai carabinieri del Ros di Genova nell’ambito delle indagini su un gruppo di estremisti italiani che andava e a combattere nella regione del Donbass. E nonostante questo ieri sulla sua pagina Facebook ha scritto: «Sì sono un terrorista, lo ammetto». E poi uno smile.

Nell’operazione — coordinata dal procuratore capo Francesco Cozzi e Federico Manotti — sono stati arrestati Antonio Cataldo, Olsi Krutani e Vladmir Verbitchii, accusati a vario titolo per i reati di associazione per delinquere finalizzata al arruolamento e al finanziamento di mercenari combattenti al fianco di milizie filorusse, arruolamento e istruzione dei mercenari e attività di partecipazione al conflitto, fatti aggravati dalla transnazionalità dei reati.

Il teatro d’azione, dal 2014 in avanti, è stato il Donbass, regione orientale dell’Ucraina contesa fra l’esercito regolare e le formazioni che vorrebbero tornare sotto il controllo di Mosca. Il 26 luglio Andrea Palmeri, trentottenne, storico capo ultrà della Lucchese e dichiaratamente neofascista, scrive sul suo profilo Facebook. Lo fa dalla Russia: «Alcuni giorni fa, amici mentre scavavano una trincea hanno trovato una gavetta di un nostro ragazzo dell’Armir, Domicolo Nicola, 90º reggimento fanteria Salerno, numero matricola 12097».

Secondo i magistrati, oltre che l’orgoglio per i soldati presenti sul fronte orientale nella Seconda guerra mondiale, quel messaggio certifica «l’attività tuttora in corso di un gruppo di mercenari italiani impegnati nell’ultimo triennio in Ucraina al fianco delle milizie filorusse», si legge nell’ordinanza. Palmeri viene considerato uno dei reclutatori , anche se si dedica in prevalenza a iniziative para-diplomatiche. Viene intercettato mentre parla con i suoi amici fascisti: disquisiscono su chi dei loro nemici di sinistra abbia avuto una lezione a Lucca. Al cellulare dice: «Qua sono ben voluto da tutti! Ora comincerò a fare i miei business: guadagno un po’ soldi qua. Bene o male ho la possibilità di fare tutto quello che voglio, finché non riparte la guerra». Per i pm genovesi Palmeri scappa dalla sorveglianza speciale e finisce volutamente a combattere in quel Paese. «D’estate ricomincio a combattere, ora faccio solo scorte», sostiene al telefono. Per il giudice, Palmeri è uno di quelli che fa parte di «un gruppo criminale organizzato operante in almeno tre Stati (Italia, Russia ed Ucraina)». Quando si parla di Palmeri si parla, nelle intercettazioni, di «un camerata».

Nell’inchiesta genovese è indagato anche un altro lucchese: si tratta di Francesco Preziuso, 33 anni, conosciuto nell’ambiente come il «Cicogna», che risulta «essere persona intestataria della Postepay di Andrea Palmeri e pubblicizzata sul proprio profilo Facebook per ricevere donazioni da destinare ad un asilo e ad un orfanotrofio di Lugans».