Ucraina Nel sito sono presenti informazioni concernenti il consolato e l’ambasciata italiana in Ucraina, supporto legale per adozioni e visti d’ingresso, mappa e meteo online.Ucraina

Esperti definiscono principali ostacoli all'attuazione delle riforme in Ucraina

Gli esperti ucraini ritengono che del pacchetto di riforme necessarie al paese sarà effettuato non più di un terzo, la maggior parte dei cambiamenti sono ostacolati da oligarchi e burocrazia. Lo rileva un sondaggio della Fondazione Kucheriv.

Dopo il cambio di potere in Ucraina a febbraio 2014, la nuova leadership del paese ha annunciato un piano di riforme su larga scala. Ai primi di dicembre, il capo della delegazione dell'UE a Kiev, Hugues Mingarelli, ha detto che l'Ucraina negli ultimi quattro anni ha ottenuto un grande successo in materia di macro-stabilizzazione. In particolare, il deficit di bilancio del paese si è ridotto e la moneta nazionale si è stabilizzata. Egli ha inoltre preso atto dei successi di Kiev in materia di riforma delle pensioni, sanità e istruzione.

"La maggior parte degli intervistati ritiene che di tutto il processo riformatorio necessario ne sarà attuato non più di un terzo. Tuttavia la maggior parte degli esperti rimangono ottimisti, confidando in futuri successi… per la riforma delle forze dell'ordine, la lotta alla corruzione e della pubblica amministrazione", dice lo studio.

Gli esperti intervistati hanno stimato l'attuazione delle riforme in Ucraina al di sotto della media: a 2,66 punti su una scala di cinque punti.

Fra i progressi più importanti essi annoverano il decentramento del potere, l'inizio della riforma sanitaria, il lancio di nuovi organismi anti-corruzione, così come i cambiamenti nella riforma dell'istruzione e l'inizio della riforma giudiziaria.

"Il presidente e la coalizione di governo sono considerati più come un freno che come un motore. Gli esperti indicano quali principali ostacoli alle riforme gli oligarchi e la burocrazia", sottolinea il sondaggio.

Il sondaggio fra gli esperti ucraini è stato condotto dal 24 al 28 novembre 2017. Lo scopo del sondaggio è la valutazione dei progressi, il ritmo e le lacune delle riforme secondo gli esperti. Al sondaggio hanno partecipato più di 60 esperti.