Ucraina Nel sito sono presenti informazioni concernenti il consolato e l’ambasciata italiana in Ucraina, supporto legale per adozioni e visti d’ingresso, mappa e meteo online.Ucraina

In Ucraina è esploso il sentimento patriottico anche riguardo il vino

Dopo l'"annessione" della Crimea, la produzione di vino in Ucraina si è dimezzata e, insieme alla penisola, il paese si è finalmente sbarazzato dei vini zuccherati di retaggio sovietico. Ne parla Le Figaro.

L'enologo ucraino Alexander Kovach guarda soddisfatto il bicchiere che ha in mano — questo vino che ha realizzato lui stesso. Un uomo di 47 anni incontra i turisti durante una degustazione all'ingresso della sua cantina nel Transcarpazia di Uzhgorod. Negli ultimi cinque anni, l'ucraino ha raddoppiato il volume della produzione e ora parla delle "grandi prospettive" che si stanno aprendo dinanzi a lui sul mercato intimo, scrive Le Figaro.

Quando nel 2014 la Russia ha si è "annessa" la Crimea, da tempo nota per i suoi vini semi-dolci e dolci, secondo l'associazione dei produttori vitivinicoli ucraini, laproduzione di vino in Ucraina si è dimezzata. Forse questo è stato l'impulso per l'avvio della produzione di vini secchi, sottolinea il quotidiano francese. In Transcarpazia i vini bianchi sono diventati sempre più popolari, mentre sulla costa del Mar Nero, nell'area di Odessa e Kherson, quelli rossi.

Per Alexander Kovach, produttore vinicolo, l'Ucraina "si è finalmente sbarazzata" del "dei vini zuccherati di retaggio sovietico", tipici della Crimea. Ora i produttori di vino e gli intenditori locali sono orientati verso "la cultura del consumo nella maniera europea", in cui dominano i vini secchi.

Per gli ucraini il risveglio dell'interesse per i vini locali è in gran parte dettato da ragioni politiche, aggiunge la pubblicazione. Inoltre, a causa del deprezzamento della grivnia, i prezzi per i vini stranieri sono aumentati notevolmente, mentre il vino ucraino può essere acquistato ad un prezzo medio di 5 euro circa.

Tuttavia, nonostante tutte le previsioni favorevoli, le piccole cantine si lamentano della burocrazia e della corruzione che impediscono loro di sviluppare la propria attività. Solo 50 aziende dispongono delle licenze per la produzione commerciale di vino, nota la pubblicazione.