Ucraina Nel sito sono presenti informazioni concernenti il consolato e l’ambasciata italiana in Ucraina, supporto legale per adozioni e visti d’ingresso, mappa e meteo online.Ucraina

Ucraina, Poroshenko firma legge per prorogare statuto speciale del Donbass

Il presidente dell'Ucraina Petr Poroshenko ha firmato la legge sulla "creazione delle condizioni necessarie per la risoluzione pacifica della crisi in alcune aree delle regioni di Donetsk e Lugansk", che proroga lo statuto speciale del Donbass, ha riferito l'ufficio stampa della presidenza ucraina.

Nella giornata di ieri la Verchovna Rada (Parlamento ucraino — ndr) aveva prorogato di 1 anno la legge sullo statuto speciale del Donbass. In particolare il documento prevede che lo statuto speciale della regione entrerà in vigore dopo che saranno soddisfatte alcune condizioni, tra cui il ritiro dei "gruppi armati clandestini" da questi territori.

Nel comunicato diffuso sul sito della presidenza ucraina si rileva che la legge crea inoltre le condizioni per lo svolgimento dell'operazione di pace delle Nazioni Unite nel Donbass.

Le disposizioni della legge entreranno a partire dal giorno della sua pubblicazione nella gazzetta ufficiale.

La legge sullo statuto speciale del Donbass era stata già adottata nel 2014 come parte degli obblighi di Kiev nell'ambito degli accordi di Minsk. Secondo la legge, le regioni non controllate da Kiev nel Donbass avrebbero ricevuto lo statuto speciale dopo le elezioni locali nel quadro della legislazione ucraina e sotto il monitoraggio di osservatori internazionali.

Tuttavia le elezioni non si sono mai svolte e lo statuto speciale per le autoproclamate Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk è rimasto sulla carta.

Ieri la Verchovna Rada aveva inoltre approvato in prima lettura la legge sul reintegro del Donbass. Inizialmente si richiamava agli accordi di Minsk, ma questo elemento aveva suscitato l'indignazione di molti deputati e nella nuova versione le parti criticate sono state cancellate.

Questo documento definisce la Russia come un "Paese aggressore", dà al presidente il diritto di utilizzare le forze armate nell'est dell'Ucraina senza dichiarare guerra e prevede inoltre la possibilità di introdurre la legge marziale.