Ucraina Nel sito sono presenti informazioni concernenti il consolato e l’ambasciata italiana in Ucraina, supporto legale per adozioni e visti d’ingresso, mappa e meteo online.Ucraina

Speciale difesa: fonti Osce, rilevati armamenti ucraini lungo la linea di contatto nel Donbass

Mosca, 10 gen 15:30 - (Agenzia Nova) - L’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce) ha rilevato la presenza di carri armati e sistemi missilistici di difesa aerea delle Forze armate di Kiev nella linea di contatto. È quanto riferito da una fonte dell’ufficio stampa della missione speciale di monitoraggio dell’Osce all’agenzia di stampa “Ria Novosti”. "Un controllo della missione ha rilevato due carri armati T-64 nei pressi della città di Konstantinovka, situata 60 chilometri a nord di Donetsk al di fuori” della fascia concordata negli accordi di Minsk. Secondo la fonte “sono stati rilevati anche due sistemi missilistici terra-aria Osa in movimento verso ovest nei pressi della città di Novoaidar, che si trova 49 chilometri di Luhansk", ha detto la fonte. Il presidente di turno dell’Osce, il ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz, ha effettuato la scorsa settimana una visita nell’area orientale dell’Ucraina, rimarcando che la risoluzione del conflitto in questa zona è “una priorità della presidenza di turno” di Vienna.

Tutta l’area orientale dell’Ucraina vive una condizione di profonda instabilità e incertezza dall’aprile del 2014, dopo che le autorità di Kiev lanciarono un’operazione militare per riprendere il controllo della regione dalle milizie favorevoli all’indipendenza del Donbass. Nel febbraio del 2015, le autorità ucraine e i rappresentanti delle milizie indipendentiste hanno raggiunto un accordo di cessate il fuoco dopo i colloqui avvenuti con la mediazione del leader di Russia, Francia, Germania e Ucraina a Minsk, il cosiddetto Formato Normandia (dal nome della regione francese dove si svolse la prima riunione dei negoziati). Gli accordi di Minsk prevedono un completo cessate il fuoco; il ritiro degli armamenti dalla linea di contatto nell’Ucraina orientale; lo scambio reciproco di tutti i prigionieri detenuti da entrambe le parti; e delle riforme costituzionali che conferiscano uno statuto speciale alle autoproclamate repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk. Dalla sigla degli accordi, tuttavia, le due parti si accusano reciprocamente di contrastarne l’attuazione. (Rum)