Ucraina Nel sito sono presenti informazioni concernenti il consolato e l’ambasciata italiana in Ucraina, supporto legale per adozioni e visti d’ingresso, mappa e meteo online.Ucraina

Speciale energia: Toshiba insegue un accordo in Ucraina per rilanciare il proprio business del nucleare

Tokyo, 08 feb 14:15 - (Agenzia Nova) - Toshiba Corp. Sta progettando una nuova incursione nel settore dell’energia nucleare, resa in parte necessaria dal disastroso epilogo dell’acquisizione della statunitense Westinghouse Electric Co. Il colosso giapponese dell’elettronica ha avviato trattative con la compagnia di Stato ucraina Energoatom per la fornitura di generatori a turbina destinati all’impiego nelle centrali nucleari di quel paese. Le due aziende avevano già siglato un memorandum in proposito nell’ottobre dello scorso anno. Toshiba ha annunciato lo scorso marzo l’abbandono della progettazione e costruzione di intere centrali nucleari, a seguito della bancarotta di Westinghouse.

Stando a fonti citate dal quotidiano giapponese “Asahi”, però, l’azienda ritiene di poter evitare epiloghi analoghi limitandosi alla fornitura di componenti per centrali nucleari estere. Energoatom opera 15 reattori nucleari in Ucraina, e ne sta realizzando altri due. L’azienda intende sostituire i generatori dei reattori più vecchi per aumentarne l’output. L’obiettivo di Toshiba è assicurarsi un contratto per la fornitura delle turbine e dei servizi di manutenzione, una volta che queste ultime diverranno operative. Se le trattative andranno a buon fine, Toshiba valuterà l’ingresso in altri mercati esteri. Ad oggi le attività di Toshiba nel comparto del nucleare civile sono limitate alle riparazioni, alle ispezioni e al decommissionamento di reattori. Il fatturato del business del nucleare civile di Toshiba è crollato in un anno del 70 per cento a meno di 200 miliardi di yen.

La giapponese Toshiba ha annunciato di aver concordato la vendita degli asset della sua ex controllata statunitense Westinghouse Electric a un consorzio guidato dall’hedge fund statunitense Baupost Group. Toshiba cederà i diritti sugli asset dell’azienda statunitense in bancarotta, dal valore nominale di 8,07 miliardi di dollari, per 2,16 miliardi di dollari. L’azienda ha acconsentito a cedere le proprie partecipazioni a Westinghouse e alla aziende collegate, inclusa la holding statunitense di Westinghouse, alla canadese Brookfield Business Partners Lp per circa un miliardo di dollari. Toshiba punta a concludere l’intera operazione entro marzo. (Git)