Ucraina Nel sito sono presenti informazioni concernenti il consolato e l’ambasciata italiana in Ucraina, supporto legale per adozioni e visti d’ingresso, mappa e meteo online.Ucraina

Saltara, dall'Ucraina per razziare
il rame: arrestato il ladro pendolare

SALTARA – Arriva dall’Ucraina per predare l'oro rosso, ma il ladro pendolare transnazionale finisce in manette: i carabinieri di Saltara hanno tratto in arresto un ucraino 38enne sorpreso a rubare rame all’intimo di un capannone industriale in disuso.
La segnalazione era arrivata da un passante che aveva notato un uomo con una pesante sacca degli attrezzi raggiungere una vecchia fabbrica di Calcinelli dopo essere sceso da un’autovettura grigia che lo aveva accompagnato. I militari hanno sorpreso l’uomo intimo a staccare i cavi di rame da una cabina elettrica. Alla vista dei militari l’uomo si è dato alla fuga sfondando una porta che, per sua sorte avversa, conduceva in un locale caldaie senza uscita. Con non poca fatica i militari sono riusciti a bloccare lo straniero ed ammanettarlo riportando piccole lesioni a causa della violenta colluttazione. L’uomo raccontava di essere in Italia da due giorni ospite di un italiano che vive a Lucrezia di Cartoceto. Raggiunta l’abitazione i militari rinvenivano nel garage 78 kg di fili di rame già spellato frutto sicuramente di altri furti. L’italiano, seppur proprietario di un’auto grigia, si dichiarava totalmente estraneo ai fatti e giustificava la presenza dello straniero asserendo si trattasse di uno scambio di ospitalità in quanto è solito recarsi a caccia in Ucraina.
I militari di Saltara procedevano all’arresto in flagranza di reato di V. Y. , di anni 38, per rapina impropria e lesioni aggravate e lo conducevano in carcere. Il Giudice, dopo la convalida, ha disposto la misura degli arresti domiciliari presso l’abitazione dell’amico italiano dove rimarrà finché non verrà definita la sua posizione. Lo straniero era giunto in Italia a bordo di un furgone con targa ucraina completamente vuoto. È ragionevole supporre che fosse sua intenzione rientrare nella madre patria con il furgone “pieno”