📁
Ucraina Nel sito sono presenti informazioni concernenti il consolato e l’ambasciata italiana in Ucraina, supporto legale per adozioni e visti d’ingresso, mappa e meteo online.Ucraina
Privatizzazione in Ucraina

Quadro Normativo

Norme che regolano la privatizzazione in Ucraina

Alla privatizzazione è stato dato avvio nel 1992, quando l'Ucraina ha emanato due ampi testi di legge, i quali disciplinavano, rispettivamente, un piano di privatizzazione per le società di grandi dimensioni e uno per quelle piccole. Attraverso un procedimento di trasformazione da compagnie statali in società pubbliche per azioni, si diede il via ad aste pubbliche per il tramite delle quali anche i privati potevano acquistare quote societarie. Negli anni dal 1993 al 1996 la maggior parte delle società privatizzate erano ditte di piccole e medie dimensioni, che operavano soprattutto nel settore del commercio al dettaglio, in quello alimentare, in quello edile ed in quello dei servizi correlati ai settori precedenti. È da notare che una significativa percentuale di quote vennero acquistate da lavoratori che si associavano, a tale fine, in gruppi di acquisto.
Inizialmente, il Governo stabilì, per la procedura di trasformazione da compagnie statali in società pubbliche per azioni, un sistema tramite il quale vennero rilasciati appositi certificati di privatizzazione. Questo metodo, però, si è dimostrato poco efficace tanto da essere di fatto dimesso a partire dal 1999; di conseguenza il Governo introdusse la normativa della privatizzazione caso per caso, da applicarsi ad ogni singolo caso di specie. L'obiettivo chiave della nuova politica, riguardo la privatizzazione di settori strategici, era quello di cedere pacchetti di maggioranza o di controllo ad investitori che fossero in grado di sviluppare e promuovere la crescita delle aziende stesse.
L'Autorità investita di tale compito è la State Property Fund. L'Organismo in parola ha le più ampie competenze, come lo sviluppo della normativa sostanziale e procedurale in materia, nonché il programma statale di privatizzazione (che debbono essere approvati dal Parlamento), la determinazione delle aziende oggetto di privatizzazione, la elaborazione delle strategie per giungere ad una veloce forma di privatizzazione e, infine, la dismissione dei beni di proprietà statale.
La vigente normativa individua le seguenti categorie di beni di proprietà statale suscettibili di essere privatizzate:
• immobilizzi, impianti di produzione e strutture, che facciano parte di un complesso integrato;
• costruzioni non ancora completate;
• azioni di proprietà statale in società di capitali;

Argomenti nella stessa categoria