📁
Ucraina Nel sito sono presenti informazioni concernenti il consolato e l’ambasciata italiana in Ucraina, supporto legale per adozioni e visti d’ingresso, mappa e meteo online.Ucraina
Controlli Valutari

Regolamenti Valutari

La legislazione Ucraina prevede la così detta "regola dei 90 giorni" per pagamenti effettuati all'Estero da enti società Ucraine per l'acquisto di beni, servizi. In conformità a tale regola, la fornitura di beni e/o servizi deve avvenire entro e non oltre il termine di 90 gg., dalla data in cui è stato effettuato il pagamento anticipato all'Estero. In caso di ritardo, non autorizzato dalla Banca Nazionale dell'Ucraina, è prevista a carico della Parte Ucraina una sanzione pari allo 0,3% del valore dei beni o dei servizi, per ogni giorno di ritardo.
La stessa regola si applica alle esportazioni di beni al di fuori dell'Ucraina. In altri termini, una società Ucraina deve ricevere il pagamento dall'Estero, relativamente alle esportazioni effettuate, entro e non oltre 90gg. dalla data in cui è stata effettuata l'esportazione.
I pagamenti in Valuta Estera, ricevuti da una società Ucraina, debbono essere obbligatoriamente convertiti in valuta locale per un importo pari al 50% dell'intero ammontare, il restante 50% può essere depositato in un conto corrente in valuta estera ed essere utilizzato unicamente per pagamenti all'Estero.
Specifiche autorizzazioni da parte dell'Autorità di Controllo Valutario sono richieste, tra l'altro, nei seguenti casi:
• costituzione all'Estero, da parte di una Società Ucraina, di una propria filiale e conseguente trasferimento di capitali per finanziare tale operazione;
• acquisto all'Estero di proprietà immobiliari, di titoli di credito esteri, partecipazioni societarie estere;
• apertura di conti bancari su Banche Estere;
• eventuali ritardi nell'esecuzione della summenzionata regola dei 90 gg.;
• apertura di conti bancari, in Ucraina, in Valuta Estera da parte dell'Ufficio di Rappresentanza di una società;
Tali autorizzazioni vengono rilasciate dalla Banca Nazionale Ucraina, che è, altresì, competente ad autorizzare i residenti per la contrazione di prestiti dall'estero.

Argomenti nella stessa categoria